Diario di bordo: Giorno uno del blog! Vi presento il blog e mi presento al blog ; )

Eccoci finalmente! Giorno uno del blog e primo articolo in assoluto.
Di cosa parleremo in questo blog? Di birra! Non solo delle mie birre ovviamente e non solo in senso stretto del mondo del malto ma anche di tutti gli aspetti che stanno dietro al progetto owski: quindi arte, ricerca e passioni!
Parleremo di tecniche, riflessioni sul mercato e spunti per chiunque si avvicini al mondo della “impresa individuale” intesa in senso largo come metamorfosi da sognatore ad imprenditore.
Gli articoli verranno divisi in sezioni per facilitare la lettura secondo i propri interessi ma in generale in ogni “appunto” del diario cercherò di includere uno spaccato del mio momento personale per raccontarvi e fermare in qualche modo l’evoluzione della mia esperienza e lasciare che questo blog sia un diario mutante di un birraiolo un po’ matto aspirante alchimista affascinato dall’arte in tutte le sue forme!
Sono sempre stato affascinato dai Blog e dalla scrittura in generale intesa come flusso non-così-filtrato di coscienza ed intenzioni per cui sarà molto naturale per me lasciare lunghi periodi in siccità di virgole o punteggiature per creare e rendere questo effetto direttamente-nella-testa-di-chi-scrive a me tanto cara e congeniale.

Diario di bordo è la prima sezione ed è quella in cui scatto un’istantanea del mio momento e vi racconto cosa orbita nella mia testa, cosa bolle in pentola e cosa “fermenta” dietro le quinte. Sarà la sezione più informale perché il mio diario è sempre stato un luogo caotico e pieno di schizzi, di appunti e di promemoria per i tempi a venire.
Che immagine potente il proprio diario ora che ve ne ho parlato vi propongo un piccolo esercizio di memoria:
PROVA A FIGURARTI UN’IMMAGINE UN RICORDO DI COME ERANO I TUOI DIARI
mentre vi scrivevo mi è successo e mi son emozionato è in effetti un meta-oggetto dove venivano segnati i compiti, forse qualche impegno ma nel mio caso soprattutto tantissimi spunti (inconsapevolmente onirici) di evasioni astratte e immaginazione sfrenata.
Potentissima figura anche auto-terapeutica il “diario” compare come specchio in diversi percorsi di evoluzione e presa di coscienza di fronte a noi stessi.
In uno dei miei telefilm preferiti (Star Trek) ed in generale nella fantascienza la redazione del diario di bordo è un espediente narrativo per capire le emozioni del capitano, conoscere un po’ del suo background e sentirlo più umano e “fragile” al di là del proprio ruolo.

Bando alle ciance. Ottobre 2019. Ultimi passi per l’apertura del sito che ospiterà questo blog.
Primi passi del blog che son quelli che leggete in questo momento.
Ho aperto a marzo poco più di sei mesi fa ed è appena finita la prima “maratona estiva” che mi ha colto impreparato per la mole di lavoro che si trascinava con sé.
Un po’ sottotono è rimasta quindi la comunicazione e nonostante le buone intenzioni, gli assidui ascolti di Monty Montemagno (che vi straconsiglio per qualsiasi attività produttiva e imprenditoriale che vogliate intraprendere) il bilancio di esperienza che voglio raccogliere è “TI DEVI ORGANIZZARE”!
Parola d’ordine SCHEDULE, darsi un ritmo prestabilito e preparare in anticipo il materiale per i giorni impossibili!
Affronto il primo post reduce da questa sensazione e con buone intenzioni di programmazione per i post successivi ma anche la piacevole sensazione di voler iniziare e smetterla di rimandare in attesa di chissà quale congiunzione astrale ottimale ed ideale.
INIZIA SUBITO ED OTTIMIZZA QUANTO PRIMA! MA INIZIA!
Owskiiii!

Condividi su facebook
Condividi su Facebook
Condividi su email
Condividi tramite E-mail
Condividi su whatsapp
Condividi con WhatsApp
Condividi su linkedin
Condividi su LinkedIn

Lascia un commento

Vuoi rimanere aggiornato su Owski?

Chiudi il menu
×

Carrello